Detto da Noi
24 febbraio 2017

RobilantAssociati cresce nel digitale.

Cerchiamo due nuove figure per il team Digital Branding/Social Media.

Clicca per scaricare la job description.

23 febbraio 2017

Prosegue l’iniziativa “UNA SCOSSA AL FUTURO”, lanciata da RobilantAssociati alla fine del 2016.

Dopo il sostegno alla ricostruzione della Torre di Amatrice, simbolo del sisma che ha colpito il nostro Paese, daremo seguito all’iniziativa con un progetto rivolto ai giovani designer che vivono in quelle aree.

UNA SCOSSA AL FUTURO prevede, infatti, la selezione di 2 graphic designer residenti in uno dei comuni colpiti dal terremoto ai quali Robilant Associati offrirà un contratto di formazione on the job e un alloggio a Milano per un anno a partire dalla data di assunzione.

“Il design progetta e costruisce. È la nostra attitudine, il nostro modo di pensare e di lavorare. – afferma Maurizio di Robilant, Presidente di Robilant Associati – Al termine di un anno positivo desideravamo poter dare un aiuto significativo a chi nel nostro Paese vive un momento di difficoltà.”  

“Per questa ragione – afferma Roger Botti, Direttore Generale della società di consulenza – abbiamo ritenuto che il valore più grande che potessimo condividere fosse l’insegnamento di un mestiere straordinario e affascinante come il nostro e la creazione di un’opportunità concreta per i giovani delle aree colpite dal terremoto: giovani che in questo momento sono in cerca di un futuro che può sembrare difficile da (ri)costruire.” 

Per partecipare alla selezione è necessario avere i seguenti requisiti:

  1. età compresa tra i 23 e i 30 anni
  2. residenza in uno dei Comuni inserito negli elenchi di seguito:

Scopri tutti i dettagli per partecipare a questo link:

UNA SCOSSA AL FUTURO

9 gennaio 2017

…ma che il 2017 non ci porterà! Anche se noi in fondo un po’ ci speriamo.

Sull’ultimo numero dell’anno di Mark up Roger Botti individua alcuni macro cambiamenti fondamentali che i mercati sarebbero già pronti ad accogliere, ma che il 2017 probabilmente non ci porterà ancora, a meno che non iniziamo a lavorare sin da adesso per raggiungerli.

Leggi l’articolo