Xenta Absenta

Lanciato nel mercato degli Spirits nel 2000, Xenta Absenta si rinnova sotto la spinta dei bartender, nuovi “influencer” alla ricerca di prodotti esclusivi dotati di una tradizione consolidata e di ingredientistica ricercata. Xenta ha in effetti tutte le carte in regola per rispondere ai trend. Un’antica ricetta datata 1926. Ben 10 botanici d’eccellenza e acqua di sorgente, in totale assenza di additivi e coloranti.

Il redesign riscatta il prodotto dall’immaginario trasgressivo legato al suo ingrediente principale per consolidare invece la sua natura premium. A partire dalla valorizzazione dell’identità di Marca che diventa più iconica e memorabile. La “X” di Xenta trova nuovo protagonismo divenendo peraltro portavoce dei 10 (X nei numeri romani) botanici d’eccellenza della sua ricetta. L’etichetta è un’elegante cintura che avvolge la bottiglia offrendo al marchio uno sfondo verde scuro da cui emergere con tutta la sua autorevolezza. I più importanti asset di marca trovano giusta valorizzazione: la naturalità è espressa dalle foglie di Artemisia; la data di origine, 1926; il territorio di provenienza, il Piemonte, che vanta una lunga storia di produzione di Artemisia e altre pregiate erbe alpine.

Anche il design nuova bottiglia, scultorea e iconica, è frutto di uno studio della forma vetro che ha portato alla massima espressione del nuovo slancio e della statura del prodotto, rafforzandone le spalle e dando un risalto scultoreo alla fascia che cinge il prodotto e alla data d’origine.

Icona di purezza